Finalmente reso on line l’elenco delle Onlus. Più sicure le donazioni

Il Centro di Servizio per il Volontariato di Napoli ha reso noto che sul sito dell’Agenzia delle entrate sono ora disponibili gli elenchi delle Onlus – Organizzazioni non lucrative di utilità sociale, iscritte nell’Anagrafe delle Onlus, aggiornati al mese di luglio 2016. Le informazioni presenti riguardano la denominazione, il codice fiscale, la sede legale e il settore di attività. Il numero complessivo degli enti registrati è pari a 21.702 soggetti, perciò per semplificarne l’individuazione l’elenco è stato suddiviso in base alla regione in cui ha sede legale la Onlus.

Gli elenchi sono consultabili sul sito www.agenziaentrate.gov.it, nella sezione “Cosa devi fare > Richiedere > Iscrizione Anagrafe delle ONLUS > Elenco Onlus”.

Non sono comprese le cosiddette “Onlus di diritto”, le cooperative sociali e le organizzazioni di volontariato, in quanto soggetti iscritti nei rispettivi albi o registri (Albo delle società cooperative, Registri delle organizzazioni di volontariato). Come ricordato da Quinonprofit.it, erano ben 18 anni che si attendeva la possibilità di accedere a questi elenchi via web. La classifica delle regioni vede al primo posto il Lazio con oltre 3900 organizzazioni, seguito dalla Lombardia con più di 3500 enti e il Piemonte che supera i 2000.

“La diffusione di queste informazioni – fa sapere l’Agenzia in una nota – risponde all’esigenza di individuare agevolmente gli effettivi soggetti che rivestono la qualifica di Onlus cui destinare erogazioni liberali o attività volontarie. Ciò garantisce una maggiore sicurezza, consentendo ai cittadini di destinare le proprie risorse verso gli enti per i quali è avvenuto il riconoscimento di Onlus da parte dell’Agenzia delle Entrate“. L’Agenzia ricorda anche che i contribuenti che effettuano erogazioni liberali alle Onlus presenti in questi elenchi potranno usufruire, a scelta, della detrazione dall’imposta lorda del 26%, fino ad un importo massimo di 30mila euro annui delle donazioni fatte, oppure potranno dedurre gli importi nel limite del 10% del reddito complessivo e, comunque, nella misura massima di 70mila euro.

Articolo dal sito www.csvnapoli.it

 

Logo Agenzia-delle-Entrate