Green Map of Naples. Per il Maggio dei Monumenti, i giardini partenopei in una mappa tascabile

Scoprire giardini, parchi, orti botanici e chiostri custoditi nella città metropolitana di Napoli. Con questo intento è nata la Green Map of Naples, mappa tascabile del verde realizzata dalla rivista di informazione turistica Where Naples Coast & Islands per l’Associazione Premio GreenCare. Stampata in ventimila copie, in italiano e in inglese, sarà distribuita gratuitamente in occasione del “Maggio dei Monumenti” 2018.

La carta ritrae il volto verde dell’area partenopea: 37 tra ville e parchi storici, giardini di quartiere, riserve naturali, orti urbani. Una lunga sequenza di percorsi green all’insegna del turismo verde: dai Giardini del Museo archeologico a Villa Pignatelli, dal Parco del Poggio al Real Bosco di Capodimonte, e poi ancora i giardini degli scavi di Pompei, la Villa San Michele di Capri, la Mortella di Ischia.
Buona parte delle aree verdi descritte sono raggiungibili attraverso l’uso di scale e pedamentine, linee metropolitane e funicolari. L’invito, dunque, è anche quello di muoversi a piedi o con i mezzi pubblici per godere appieno della bellezza del patrimonio botanico, dentro e fuori le mura cittadine. La mappa è corredata di una legenda che evidenzia panchine, fontane, fontanelle, aree attrezzate per bambini o picnic, belvederi con viste spettacolari sul Golfo di Napoli, ma anche luoghi adatti alla lettura, alla meditazione e alla pratica sportiva. Insomma tutto ciò che aiuta a vivere intensamente questi luoghi ricchi di meraviglie.

La Green Map of Naples è pure interattiva grazie al QR Code che permette di accedere a ulteriori informazioni e approfondimenti offerti dal sito www.premiogreencare.org, come le varietà botaniche rare presenti nei giardini napoletani.

La mappa sarà distribuita nei punti strategici della città e dell’area metropolitana: aeroporto, porto, musei, alberghi di lusso, Info Point del Comune, Giardini del Polo Museale e Orto Botanico, Giardini La Mortella di Ischia, Villa San Michele (Capri), Villa Rufolo e Villa Cimbrone (Ravello), Reggia di Caserta.

«La conoscenza genera consapevolezza e rispetto», spiega Benedetta de Falco, presidente dell’Associazione Premio GreenCare Ets. «I cittadini, allenando lo sguardo, svilupperanno con la Mappa una nuova cittadinanza alimentata da un senso civico più orientato alla tutela delle aree verdi e del patrimonio botanico. I turisti, invece, potranno scoprire una Napoli insolita e più verde, disseminandosi al di là dei tradizionali circuiti di visita, a beneficio di percorsi all’aria aperta».

La prima copia è stata donata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella: la Green Map dedica infatti una finestra anche a Villa Rosebery, residenza del Capo dello Stato, affacciata sulla linea di costa di Posillipo.