Il programma delle Giornate per la famiglia promosse dal Consultorio diocesano a Pozzuoli

Viviamo in un’era che sempre più rinuncia alla piacevolezza e ai benefici della conversazione “faccia a faccia” lasciandosi attrarre dalle tecnologie digitali con gli scambi di sms, con le faccine degli emoticon, con i contatti superficiali dei social. Viviamo costantemente in un “altrove digitale”, che invade nei modi più disparati la nostra reale quotidianità. Anche in casa, parliamo con qualcuno, ma nel frattempo diamo un’occhiata allo smartphone, che viene custodito gelosamente a portata di mano. La perdita della capacità di parlare con gli altri con empatia, imparando nel contempo a sopportare solitudine e inquietudini, rischia di ridurre le nostre capacità di riflessione e concentrazione, portandoci, nei casi estremi, a stati di dissociazione psichica e cognitiva.

Per capire chi siamo, per comprendere appieno il mondo che ci circonda, per crescere, per amare ed essere amati, abbiamo necessità di saper dialogare.

Il dialogo, così, diventa più difficile anche nella coppia, perché interrotto dagli smartphone o condotto secondo il linguaggio dei dispositivi elettronici con quello stile stringato, superficiale, senza spessore espressivo. In una comunicazione, attraverso le parole viene trasmesso un messaggio di contenuto; attraverso la voce, il tono, la mimica facciale, la postura, vengono veicolati messaggi di relazione, che esplicitano le emozioni e i sentimenti, che costituiscono il nutrimento, il vero piano di confronto, avvincente, appassionante di una relazione amorosa.

Queste le riflessioni da cui è partita l’equipe del Consultorio familiare diocesano “Famiglia Nuova”, per organizzare le Giornate per la Famiglia. I primi due incontri, realizzati nei locali della parrocchia Sant’Artema di Monterusciello, si sono svolti domenica 13 gennaio e 10 marzo, sui temi “Il dialogo difficile nella coppia” e “L’universo della coppia” (prossimi appuntamenti domenica 2 giugno e 15 settembre, rispettivamente sulle tematice: “I figli sono una risorsa” e “La famiglia in crescita”).

Gli incontri sono strutturati partendo da una relazione iniziale per aiutare a riflettere sulle tematiche del corso, poi i partecipanti vengono divisi in gruppi di lavoro. Dopo il pranzo (un “bel momento di condivisa partecipazione”) ci si ritrova in plenaria “per vivere dinamiche sull’ascolto, in grado di aiutare le coppie a sperimentare come raggiungere una comunicazione efficace”. La giornata si conclude con la celebrazione eucaristica.

«Papa Francesco – sottolineano gli organizzatori – invita a “fare della famiglia una speciale comunità di vita e d’amore… immagine della bellezza e dell’Amore di Dio”. Nelle nostre case, ricche di tutto ma, spesso, povere di amore e di dialogo, dinanzi alle difficoltà comunicative ci blocchiamo, frenati dall’orgoglio e dal risentimento, incapaci di andare oltre. La Parola di Dio ci aiuta e costituisce lampada per i nostri passi». Sul sito www.famiglianuova.org è possibile scaricare un power point su “Come comunicare nella coppia”, elaborato dal direttore del Consultorio diocesano, Osvaldo della Gatta. Si sottolinea soprattutto l’importanza del dialogo: in questo modo la coppia, donandosi tempo e spazio, cura la propria relazione.