In Evidenza SDT

Escusi-inclusi. Immigrazione e Democrazia in Europa. Convegno del Meic a Napoli

Sabato 23 marzo, la sezione europea di Pax Romana, in collaborazione con il MEIC-Campania, s’interrogherà, in un convegno a Napoli, su Esclusi-inclusi. Immigrazione e Democrazia in Europa Inclusione o esclusione? Il confine nasce come idea inclusiva e finisce come idea esclusiva. Dove il confine viene considerata frontiera allora è esclusione e disconoscimento dell’alterità e dell’altro. È, pensabile, oggi, un progetto di globalizzazione commerciale e contemporaneamente una politica di barriere invalicabili

Scarica il pdf di Segni dei Tempi. Sfoglia il giornale di marzo 2019

Scarica il pdf di Segni dei Tempi e sfoglia il giornale di marzo 2019. In questo numero: La “Bellezza della Vita” (P. Natale) La solitudine del mondo virtuale (C. Lettieri) Tam Tam Basket: Castelvolturno, quando l’inclusione va a canestro (S. D’Orso) I carabinieri incontrano il vescovo (A. Volpe) La Via Crucis di Monterusciello (I. D’Alessandro) Rita-Adele, la “morta di soap” (F. Nerini) Il regista Dionisio porta una Sirena a Città

La "Bellezza della vita". Il tema educativo del progetto della Pastorale scolastica si basa sulla condivisione

Alcune brevi riflessioni, forse scollegate tra loro, e forse no. La prima scaturisce dalla mia passione per Simone Weil. Di origine ebraica, fu insegnante, filosofa, operaia, anarchica e mistica. E, secondo san Paolo VI, degna di essere proclamata santa se solo fosse stata battezzata (in realtà, solo da una decina di anni si è scoperto che due ore prima di morire, nel 1943, chiese il battesimo). Ho letto quasi tutta

Istituto Virgilio di Pozzuoli. Una borsa di studio nel ventennale della scomparsa di Iaia

Oggi è una bella giornata. È il titolo di un libro che riporta le pagine del diario scritto durante i giorni della malattia da Maria Rosaria Cuomo, affetta da leucemia. Come ricorda il fratello Carlo, la dodicenne, che racconta le sofferenze e svela l’amore per la vita, “ha saputo vivere fino in fondo”, tanto da poter dire che, nonostante tutto, “oggi è una bella giornata”. Il 27 giugno saranno trascorsi

Scarica il pdf di Segni dei Tempi. Sfoglia il giornale di febbraio 2019

Scarica il pdf di Segni dei Tempi e sfoglia il giornale di febbraio 2019.   In questo numero:   Italiani più cattivi, occorre una rivoluzione culturale: sulle tracce di don Milani e della… maestra Oliviero (P. Natale) La forza del respiro (G. Pagano) Piccoli reati crescono: dall’alcol ai film su Internet (C. Biondi) La pastorale carceraria e le pene alternative (C. Biondi) Musica sacra al Rione Terra (F. Nerini) Il

PAROLE IN LIBERTA': Il virus del “Cattivismo”. Occorre una rivoluzione culturale sulle tracce di don Milani (e dell’Amica geniale)

Davanti a un episodio come quello all’inizio dell’anno del vicesindaco di Trieste – che getta nell’immondizia i pochi stracci e le coperte vecchie di un senza tetto che dorme per strada, proprio nei giorni finora più freddi dell’inverno -, la reazione di condanna è stata per fortuna tale che l’interessato stesso deve essersi un po’ vergognato di aver dato rilievo a questo gesto, cancellando il post di Facebook in cui

PAROLE IN LIBERTA': Mai rinunciare a un sogno. Riflessioni sul coraggio di agire e osare

  E bravo, Carletto, bravo e saggio… Per chi non lo sapesse, Carletto è Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli. Che è la mia squadra del cuore, si sa, ma stavolta il calcio non c’entra. Il fatto è che, rispondendo a una domanda sulla possibilità per la sua squadra di vincere lo scudetto, Ancelotti ha affermato che «è un sogno, per fortuna non è un’utopia. I sogni possono essere realizzati, le

PAROLE IN LIBERTA': Il Convegno ecclesiale diocesano come “scuola di sinodalità”, ovvero come camminare insieme e ascoltare gli altri

  Tranne il famoso Gennaro Imparato della nota freddura, si sa che “nessuno nasce imparato”. Non c’è cosa, cioè, nella nostra vita che non dobbiamo imparare, dalle cose più basilari a quelle più banali… da camminare e parlare, mangiare da soli, leggere e scrivere, a guidare un’auto, cantare e ballare, fare i cruciverba, e così via. E per imparare, si sa, si va a scuola, fosse pure la scuola guida,