Dopo quattro anni dall’incendio di Città della Scienza, s’inaugura Corporea

Dopo l’incendio la rinascita: grande festa a Bagnoli per l’inaugurazione di “Corporea, in viaggio nel corpo umano”, il primo museo interattivo italiano dedicato ai temi della salute, delle scienze e tecnologie biomedicali, della prevenzione, con oltre 5.000 mq di  percorsi dedicati al corpo umano e alle scienze biomedicali, un luogo attivo nel campo della promozione della salute, di stili salutari di vita oltre che della ricerca scientifica e tecnologica. Si riparte con l’inaugurazione di Corporea, dunque.

Alla cerimonia d’inaugurazione erano presenti il presidente del Senato, Pietro Grasso, il ministro per il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. <<Una giornata importantissima per la citta, avevo promesso che sarei tornato qui al primo segnale di ripresa>> Le prime parole pronunciate dal presidente del Senato. <<Siamo a un passo da obiettivi storici per la città>>, ha affermato, invece il Sindaco De Magistris: <<Siamo contenti che finalmente si sia ripristinato un dialogo istituzionale importante. Ad un passo dalla bonifica integrale, dal ripristino della linea di costa, dal recupero del mare, dal parco pubblico, dallo sviluppo del territorio. Questo lo si fa insieme, tra tutte le istituzioni, Governo, Regione, Comune e Municipalità>>. Vincenzo De Luca, ha sottolineato invece l’importanza dell’accelerazione della spesa per concludere un’opera considerata di grande rilievo. Da registrare, inoltre, il saluto di Michel Buchel, presidente di Ecsite (European Collaborative for Science, Industry, Technology, Exhibitions) associazione tra i più importanti musei scientifici, science centre, università e centri di ricerca internazionali e l’annuncio – con tanto di firma di protocollo d’intesa in diretta –  di un accordo tra Città della Scienza e l’Universcience di Parigi per la realizzazione di una mostra congiunta sul tema del fuoco, un argomento in comune ad entrambe le strutture fortemente danneggiate da incendi in passato.

Si riparte da Corporea, dunque, un museo unico nel suo genere che consente di esplorare in maniera interattiva il corpo umano, seguendone i “sistemi” in cui si suddivide: quello circolatorio, l’endocrino, il sistema digestivo. I percorsi di visita consentono di approfondire le conoscenze sul corpo umano attraverso una grande mostra interattiva, con laboratori didattici, installazioni multimediali, ma anche attraverso lo svolgimento di attività didattiche, incontri e sportelli informativi.  Ed è proprio qui, tra i dedali colorati  del nuovo museo, opera dell’architetto Pica Ciamarra, che per la serata inaugurale sono state cooptate numerose personalità di spicco del mondo scientifico ed accademico, in affiancamento ai vari exhibit presenti: <<Noi abbiamo bisogno di credere di nuovo in noi stessi e ritornare a riprendere le tracce della nostra storia. Abbiamo perso di vista che abbiamo una grande tradizione scientifica come paese, ed iniziative come queste sono fondamentali sia per il mondo scientifico che rappresento, sia perchè esse possono facilmente avvicinare diverse tipologie di utenti alla cultura scientifica>> afferma la professoressa Marina Melone, ‎Professore Associato di Neurologia – ‎Seconda Università di Napoli Facoltà di Medicina Dipartimento di Neuroscienze nonchè direttore Centro Interuniversitario di Ricerca in Neuroscienze (CIRN), mentre si appresta sapientemente a guidare i visitatori nell’utilizzo dell’exibit cui è destinata.

Quello che si percepisce è proprio una bella serata carica di ottimismo, dunque. Una grande festa della cultura scientifica: con l’inaugurazione di Corporea, forse, Bagnoli sta veramente toccando la rinascita con mano.

fotografie realizzate da Simona D’Orso