Per le vie del quartiere di Soccavo, oltre 800 giovani salesiani dell’Italia meridionale, nel nome di don Bosco

Oltre 800 giovani hanno marciato sabato 25 gennaio per le vie del quartiere di Soccavo, in prevalenza provenienti dalle case salesiane dell’Italia meridionale, in rappresentanza soprattutto del Movimento giovanile salesiano Campania-Basilicata. La marcia festosa è partita dalla Rotonda di Via Giustiniano per arrivare nella parrocchia Santi Apostoli Pietro e Paolo, esprimendo la gioia e l’allegria che caratterizza il pensiero di don Bosco, per “essere buoni critiani e onesti cittadini”.

Nella chiesa, la veglia – sul tema “A te la scelta. Puoi essere santo” – è stata presieduta da don Angelo Santorsola, dal 25 aprile dello scorso anno ispettore dell’Ispettoria Salesiana Meridionale. La scelta della comunità di Soccavo è stata anche legata al festeggiamento del decimo anniversario dell’Oratorio salesiano “San Domenico Savio”, fortemente voluto dal parroco don Vincenzo Cimarelli.

La parrocchia Santi Apostoli Pietro e Paolo si prepara ora alla celebrazione di domenica 2 febbraio (alle ore 12), durante la quale verrà presentata la nascita nella diocesi di Pozzuoli del primo centro di Salesiani Cooperatori, terza realtà laicale voluta da Don Bosco che – insieme ai religiosi (Salesiani) e alle religiose (Figlie di Maria Ausiliatrice) – forma la grande famiglia salesiana.